Vacanze, otto startup del turismo (italiane) da tenere d’occhio Wired

27/04/2016

Tratto da http://www.wired.it/economia/start-up/2016/04/22/startup-turismo/
I prossimi ponti – dal 25 aprile al 2 giugno – saranno una sorta di antipasto d’estate, meteo permettendo. Lo dice l’Osservatorio Volagratis che, analizzando le prenotazioni effettuate sul sito, ha cercato di misurare gusti e preferenze dei viaggiatori in vista delle ormai prossime vacanze estive. Dallo studio emerge che l’Italia rimane ancora una delle destinazione più richieste. La ricchezza del nostro patrimonio artistico e naturale sembra essere più forte della crisi. Puntare su uno dei nostri brand più forti, il turismo, non è dunque solo una buona idea, ma una necessità. Come fare però, per sfruttare al meglio questo incredibile vantaggio nei confronti degli altri paesi? Una delle soluzioni sarebbe puntare sull’innovazione digitale. E in questo settore, neanche a dirlo, siamo ancora in affannoso ritardo.

La quota di turismo in ingresso proveniente dal web è del 26%, contro una media UE del 49%, anche se va sottolineato come il turismo online sia diventato il primo comparto dell’e-commerce in Italia, con 5 miliardi di euro di fatturato.

Pian piano stiamo arrivando, insomma. Ma a individuare nel turismo il settore sul quale puntare forte per i prossimi anni sembra essere soprattutto il mondo delle startup. In Europa una su quattro si occupa di viaggi. A dominare è il Regno Unito in un mercato che, secondo il World Travel and Tourism Council, registrerà investimenti per un totale di oltre 2mila miliardi di Euro entro il 2025. E da noi?